Collezione 2015

Okimono d'avorio della scuola di Tokyo raffigurante una scimmia e il Sarumawashi

Periodo Meiji

Un importante manufatto in avorio dell'artista Isikawa Komei (1852-1913), del periodo Meiji. La figura è seduta, distesa accanto ad un tamburo, con vesti drappeggiate e gioca con una scimmia. La firma si trova sul tamburo all'interno di un cartiglio circolare sulla base “Komei con kao”. Poggia su un supporto ligneo.

16cm x 19.5cm

Raro pezzo di giada bianca raffigurante Wang Xizhi, sigillo imperiale di Qianlong

Periodo Qianlong

Giada intarsiata dal colore bianco perlaceo. Raffigura Wang Xizhi (303-361 d.C), uno dei calligrafi più famosi della Cina, nonché preferito dell'imperatore Qianlong. Il sigillo di Qianlong è stato rinvenuto sul fondo del manufatto. Il volto ha lineamenti delicati, e la postura appare rilassata con un'oca alle sue spalle. Wang aveva una passione per gli animali e il manufatto riflette tale sentimento con l'associazione simbolica dell'oca con Wang, insieme in armonia come lascia intendere la sua postura.

Snuff Bottle con invetriatura flambè

Periodo Qianlong (1711-1799)

Marchio a sei caratteri identificativo del periodo Qianlong presente sotto lo strato di vetro bluastro. La porcellana dalla forma ovale, si presenta di un tono biancastro visibile in corrispondenza del bordo della base ed è ricoperta su tutto il corpo di un porpora intenso con alcune sfumature che vanno dal blu al rosso, tipiche della flambè del 18th secolo. Il coperchio in argento racchiude una sfera verde smeraldo.

8.5x6.7x3.5cm

Brocca Sasanide in argento con fiere disposte circolarmente

Sasanidi 6th-7th secolo a.C.

Brocca Sasanide in argento. L'origine rinomata associata alla ricca esperienza del Professor Guido Devoto Professore Ordinario Di Geologia Regionale dell'Italia. Doratura al mercurio e argento. Dall'aspetto allungato e piriforme, si erge su di una base slargata, con un collo conico che culmina con un beccuccio aperto e appiattito. Attorno al collo sono incisi dei motivi geometrici, mentre il corpo presenta delle creature danzanti in rilievo. Motivi floreali orientati circolarmente in corrispondenza del manico. Buone condizioni.

36 x 16 cm

Incensiere in porcellana di Junyao

Dinastia Ming, 15th secolo. Jun kilns, provincia di Henan.

Porcellana di forma ovale, dal contorno bordato leggermente sporgente dal resto del corpo. Il vaso posa su di una spessa base circolare non smaltata che evidenzia il colore bianco madreperla della porcellana. Lo smalto è di un blu chiaro con una leggera tinta purpurea verso la parte esterna che sporge dal bordo, per terminare in grandi gocce verso il fondo del vaso. Il corpo è ricoperto in tutta la sua interezza da una sottile trama di piccole fessure e bollicine, frutto di una tecnica di cottura.

6x19.5cm

“Osso di pollo” Incensiere in giada screziata

Dinastia Myng, fine del 16th secolo, inizi del 17th secolo.

Giada finemente intagliata con maschere Taotie su entrambi i lati, due manici dalla forma del“qi” stilizzato. Il vaso poggia su di una base circolare. La pietra è di una tonalità beige opaca tendente al marroncino con venature sul nero all'interno dell'incensiere e su uno dei manici. Vecchio numero di inventario sul fondo e il numero dell'asta sul lato. Dalla collezione di Jacques Poberejsky (1885-1949)

Dimensioni di 19.3cm (7.6in), altezza 11.3cm (4.4in)

Raro disco in giada giallo-verdognolo

Dinasta Han Occidentale ( 206 a.C- 8 d.C.)

Ciascun lato appare scolpito in rilievo a formare una trama spiraliforme sempre più stretta, in corrispondenza dei bordi in rilievo. La superficie della pietra appare traslucida dai toni giallastri ed è finemente levigata.

15.8 cm di diametro

Incensiere cinese in rame smaltato per il mercato islamico

Periodo Qianlong, 18th secolo

Marchio a quattro caratteri dipinto in rosso identificativo del periodo Qianlong. Il corpo bulboso è decorato su ciascun lato con un cartiglio lobato che racchiude un'iscrizione dorata in lingua araba su sfondo blu. Tale iscrizione recita “La illah il Allah”su un lato, e Muhamed rasul ullah” sull'altro, che si traduce con “Non c'è altro Dio all'infuori di Allah”, “Maometto è il suo profeta”. Raffinati fiori di loto con steli e foglie su di uno sfondo giallo rivestono ciascuna facciata, il vaso presenta due impugnature che descrivono una forma circolare, mentre l'interno presenta una rifinitura in smalto bianco con un fiore rosa sul fondo. Diversi esempi di incensieri recanti iscrizioni islamiche sono piuttosto comuni, soprattutto in bronzo o in cloisonnè, mentre è piuttosto raro trovare un pezzo come questo, interamente smaltato e decorato, e che inoltre presenta il marchio imperiale del periodo Qianlong, il che ci porta a pensare che sia appartenuto alla corte imperiale e che lo stesso imperatore lo abbia donato a qualche membro di una corte medio-orientale.

Dimensioni di 20 cm

Netsuke Giapponese in avorio raffigurante un Quilin seduto

Giappone 17th secolo

Finemente intarsiato con dettagli minuziosamente lavorati di squame di pesce, zoccoli di cavallo, e il corpo. E' presente sul fondo il vecchio numero di inventario.

4.5x3.3x1.7cm

Incensiere tripode in bronzo dalla forma circolare di tipo Bombay

17th secolo

Simbolo a 6 caratteri sul fondo dell'incensiere identificativo di Xuande. Rifinita con una patina brunastra. La base e il coperchio sono in legno intagliato.

Incensiere tripode Junyao

Dinastia Jin/Yuan (12th - 14th secolo)

Il corpo compresso si erge su tre gambe ricurve. Lo smalto si presenta di un blu vivace e intenso con una particolare chiazza violacea sul corpo. Il bordo è invece lavorato in modo raffinato.

8 cm di diametro

Statuetta in bronzo dorato raffigurante una Divinità protettrice Taoista

Dinastia Ming, 17th secolo

Finemente lavorata, la divinità si erge in piedi su una base rettangolare. Indossa una veste, cinta da una nappa intrecciata al livello del petto. Entrambe le braccia presentano le mani giunte in vita. Il viso è ovale con un'espressione severa. Tutte le parti visibili del corpo (testa, mani, piedi) sono dorate. La restante porzione della statuetta presenta una patina tra marrone e il rossiccio.

Lo studio peritale d’arte Gauchet Art Asiatique è lieto di presentare questa selezione di oggetti che abbiamo avuto occasione di trattare in passato e che sono venuti ad aggiungersi alla nostra collezione. Vi invitiamo a contattarci, inviandoci le immagini della vostra collezione o del vostro oggetto affinché possiamo esaminarlo. Gli oggetti d’arte sono la nostra passione e vi consiglieremo al meglio secondo le vostre esigenze.

Keep up-to-date with all the latest Asian and Oriental Art news, events and exhibitions from Gauchet Asian Art.
Subscribe
Receive the latest news and events by email
Subscribe